Un nuovo centro di conoscenze fornirà prove scientifiche sulla bioeconomia

Un nuovo centro di conoscenze fornirà prove scientifiche sulla bioeconomia

News25/07/2017
Fonte: 
Commissione europea

Il centro di conoscenze è istituito dal Centro comune di ricerca, il servizio scientifico interno della Commissione, in collaborazione con la direzione generale per la Ricerca e l'innovazione.

Tibor Navracsics, Commissario per l'Istruzione, la cultura, la gioventù e lo sport, responsabile del Centro comune di ricerca, ha dichiarato: "Il centro di conoscenze sulla bioeconomia si basa sulle competenze del Centro comune di ricerca in materia di gestione delle conoscenze e offre ai responsabili politici informazioni pertinenti e tempestive e un formato facile da usare. Si tratta del quarto centro di conoscenze istituito dalla Commissione negli ultimi due anni, dopo quelli sulla migrazione e la demografia, sulle politiche territoriali e sulla gestione del rischio di catastrofi, nonché di un altro passo importante per rafforzare ulteriormente la solida base di dati comprovati di cui l'UE ha bisogno per affrontare le incombenti sfide per la società."

Carlos Moedas, Commissario per la Ricerca, la scienza e l'innovazione, ha aggiunto: "L'inaugurazione del centro di conoscenze sulla bioeconomia segna una tappa importante del percorso di avvicinamento delle diverse aree strategiche della bioeconomia. Per fronteggiare le sfide mondiali e geopolitiche, una strategia coerente necessita di un polo di conoscenze eccellente, in particolare per affrontare le questioni trasversali agli ambiti che rientrano nella famiglia della bioeconomia."

La bioeconomia rappresenta una parte significativa dell'economia dell'UE, con un potenziale di crescita tramite l'innovazione in settori quali l'agricoltura, la silvicoltura, la bioenergia e la biomassa, ma anche i prodotti chimici, i materiali, la gestione dei rifiuti, ecc.

Il centro di conoscenze sulla bioeconomia sosterrà la Commissione europea nel riesame della strategia per la bioeconomia del 2012, tenendo conto dei nuovi sviluppi politici e strategici, come l'accordo di Parigi nell'ambito della COP21, gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e il pacchetto sull'economia circolare.