L'Emilia-Romagna in California tra i protagonisti del summit mondiale sulle sfide del cambiamento climatico

L'Emilia-Romagna in California tra i protagonisti del summit mondiale sulle sfide del cambiamento climatico

News10/09/2018
Fonte: 
Regione Emilia-Romagna

L’Emilia-Romagna invitata speciale in California per portare le proprie esperienze e idee in difesa dell’ambiente e in risposta alle sfide del cambiamento climatico. Con un ruolo ancor più da protagonista nella coalizione dei Governi territoriali e delle Regioni che si batte contro il riscaldamento globale e nella quale entrò nel 2015 con la firma da parte del presidente Stefano Bonaccini insieme al Governatore dello Stato della California, Jerry Brown, del protocollo Under2Mou. L’intesa, che impegna i sottoscrittori a ridurre il riscaldamento globale, arrivava alla vigilia della Cop21 di Parigi, la Conferenza dell’Onu sul clima.

E' partita domenica 9 settembre la missione istituzionale della Regione che vede impegnati fino al 15 il presidente Bonaccini e gli assessori Paola Gazzolo (Ambiente) e Palma Costi (Attività produttive), insieme a imprese - fra cui Lamborghini, Dallara, la reggiana AVL Italia, la modenese Danisi Engineering, la parmigiana Vislab-Ambarella -, l’Università di Bologna, l’Università di Modena e Reggio Emilia, Aster ed Ervet. La missione ha infatti anche una forte valenza in campo economico e dell’innovazione della ricerca, per favorire i progetti di internazionalizzazione di Gruppi e aziende e sostenere le start up emiliano-romagnole in Silicon Valley, l’area dove l’Emilia-Romagna è stata la prima Regione a insediarsi per favorire lo sviluppo di nuove attività nate nel proprio territorio. Senza dimenticare un ulteriore obiettivo: far conoscere le opportunità in termini di saperi, logistica e legislazione regionale sulla attrazione di investimenti che negli ultimi anni hanno visto diversi Gruppi stranieri scegliere di insediarsi in Emilia-Romagna.

Due gli appuntamenti più importanti in tema di ambiente. A San Francisco, mercoledì 12 settembre, si terrà l’assemblea generale dei 206 Paesi firmatari di Under2Mou che rappresentano oltre 1,3 miliardi di persone e quasi il 40% dell'economia globale. Entro il 2050 i sottoscrittori del protocollo sono impegnati a ridurre le proprie emissioni dall’80 al 90% rispetto al valore del 1990, oppure raggiungere il saldo inferiore alle due tonnellate pro-capite di emissioni.

Giovedì 13, sempre a San Francisco, saranno cinque le sfide - sistemi energetici sani; crescita economica inclusiva; comunità sostenibili; gestione del territorio e degli oceani e investimenti per il cambiamento climatico - che animeranno il Global climate action summit, l’incontro promosso dallo Stato della California per il vertice mondiale sul clima in vista di Parigi 2020. Il presidente Bonaccini interverrà, come presidente della Regione Emilia-Romagna e del Cemr (Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa), sul tema dei sistemi energetici a basso impatto ambientale, in particolare dell’impegno di regioni, città e imprese ad accelerare in maniera massiccia l'adozione di veicoli elettrici in tutto il mondo, collaborando e condividendo le iniziative verso il passaggio a veicoli a zero emissioni (Zero Emission Vehicles). Summit che proseguirà anche venerdì 14.

Target: