MANIFATTURA 4.0 The challenge for the future of the Italian companies

MANIFATTURA 4.0 The challenge for the future of the Italian companies

Eventi04/04/2017

Dal 4 al 9 aprile, si svolgerà MANIFATTURA 4.0 organizzato da CNA, la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa e co-organizzato da ASTER e altri partner del consorzio Simpler

L’occasione per incontrare nuovi potenziali partner, anche internazionali e per confrontarsi su temi come la progettazione e la produzione di soluzioni innovative per l’abitare contemporaneo, dal complemento d’arredo, al tessile, ai materiali fino alla green technology e la smart manifacturing.

Questo anche grazie agli incontri B2B, gratuiti e aperti a tutti, che avranno luogo il 5 e 6 aprile nella cornice dell'Enterprise Europe Network, una delle più grandi reti del mondo finanziata dalla Commissione Europea per aiutare le piccole e medie imprese a migliorare la loro competitività e misurarsi su scala internazionale.

A compendio di tutte le attività svolte durante la settimana, il 7 aprile è in programma il convegno “Manifattura 4.0 Quale sfida per le PMI?”. Manifattura 4.0 costituisce la più grande sfida dei prossimi anni - soprattutto per un paese manifatturiero come l’Italia – ed è strettamente connessa alle nuove politiche di rilancio del settore produttivo attraverso l’innovazione tecnologica e organizzativa.

Attraverso il racconto di case history di successo e una tavola rotonda, si cercherà di mettere a fuoco la situazione italiana, analizzando ciò che si sta (e non si sta) facendo per traghettare le aziende manifatturiere italiane verso la quarta rivoluzione industriale. I concetti chiave sono la fabbricazione digitale, intelligente e distribuita e l’obiettivo è quello di mettere in relazione la produzione artigiana che regge il sistema economico italiano (le PMI in Italia costituiscono il 95% del tessuto produttivo con 4,2 milioni di aziende e 8 milioni di occupati, il 47% del totale nazionale) e il processo di innovazione necessario che è possibile veicolare anche attraverso i makerspace e i fablab.